Call Skype              
Smart Energy Fund: investimenti agevolati per le PMI

Smart Energy Fund: investimenti agevolati per le PMI

Analizziamo nel dettaglio Lo Smart Energy Fund, un interessante bando della Regione Lazio dedicato alle PMI che permette l’accesso a finanziamenti europei (FESR).

Cos’è lo Smart Energy Fund?

Nell’ambito del Fondo di partecipazione a favore delle PMI è costituito lo Smart Energy Fund dedicato a sostenere gli investimenti per la produzione di energia da fonti rinnovabili e per l’efficientamento energetico delle PMI, mediante l’erogazione di prestiti a tasso agevolato. Lo strumento finanziario intende favorire l’accesso al credito delle PMI necessario per effettuare investimenti per il risparmio energetico nei processi produttivi esistenti e negli edifici a destinazione d’uso non abitativa esistenti e per la produzione di energia da fonti rinnovabili. L’intervento è finalizzato a sostenere la realizzazione di detti investimenti mediante l’erogazione di Prestiti Agevolati direttamente alle PMI Beneficiarie che realizzano l’investimento, ovvero in forma indiretta, per il tramite di FTT Provider, che ottengono il Prestito Agevolato e realizzano detti investimenti, trasferendo all’Impresa Beneficiaria il beneficio dell’agevolazione ottenuta.

Il Prestito Agevolato può coprire fino al 100% dell’investimento, l’importo del Prestito Agevolato deve essere non inferiore a 10.000 € e non superiore a 1.000.000 di €.

Destinatari dello Smart Energy Fund

I soggetti beneficiari sono le PMI del Lazio che:

  • realizzano direttamente il programma di investimento grazie al prestito agevolato ricevuto a valere sul Fondo;
  • beneficiano dell’agevolazione in forma indiretta, per il tramite di un soggetto terzo (FTT Provider), che ottiene il prestito agevolato e realizza il programma di investimento, trasferendo all’impresa beneficiaria il beneficio del tasso agevolato e dell’efficientamento energetico.

Investimenti ammessi dallo Smart Energy Fund

Gli investimenti ammissibili, da realizzarsi nel territorio regionale del Lazio, sono i seguenti:

  • investimenti semplici: pannelli solari termici, caldaie a condensazione, sostituzione serramenti e infissi, installazione apparecchi a LED, fotovoltaico, impianti a biomassa legnosa, pompe di calore elettriche per la produzione di ACS, pompe di calore elettriche per il condizionamento con potenza inferiore ai 12 kW, condizionatori ad aria ad alta efficienza con potenza inferiore ai 12 kW;
  • investimenti complessi: per la riduzione dei consumi di energia primaria nella misura minima del 10% annuo rispetto alla media degli ultimi due anni;
  • investimenti che migliorino di almeno una classe energetica la prestazione energetica generale dell’edificio o unità immobiliare oggetto dell’intervento;
  • altri impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili a scala ridotta (capacità istallata inferiore a 500 kWp);
  • impianti ex novo per la cogenerazione ad alto rendimento, come definita all’Art. 2 (34) della Direttiva 2012/27/UE.

Spese ammissibili dallo Smart Energy Fund

Nel dettaglio si riportano le spese ammesse a beneficiare del prestito:

  1. Spese per investimenti materiali e immateriali, quali acquisto, trasporto ed installazione di macchinari, impianti, attrezzature, sistemi, componenti e strumenti necessari alla realizzazione del programma (compresi sistemi di telecontrollo, misura e monitoraggio energetico), realizzazione d’infrastrutture di rete, lavori edilizi per la riqualificazione energetica dell’edificio e  strettamente connessi e dimensionati rispetto al programma di investimenti; è compresa l’eventuale assistenza post vendita offerta dai medesimi fornitori, se inclusa in un “pacchetto chiavi in mano”, secondo gli usi di mercato, e da pagarsi anticipatamente insieme all’investimento;
  2. spese accessorie, nel limite del 20% delle spese ammissibili complessive, per servizi di consulenza, studi e progetti, quali audit energetici, servizi di certificazione energetica o di redazione dell’attestato energetico, spese di progettazione tecnica ed economico-finanziaria degli investimenti, redazione dei piani della sicurezza in fase di progetto e di cantiere, direzione lavori, sicurezza e collaudo; sono espressamente comprese le spese relative alla produzione dei documenti previsti dall’Avviso.

Lo Smart Energy Fund e le altre forme di incentivazione

La seguente tabella riassume la possibile cumulabilità del Fondo con le diverse forme di incentivazione statale attualmente disponibili, distinte per tipologia di intervento:

e-MEP S.r.l. è a completa disposizione e può supportarvi a partire dalla valutazione e pianificazione degli interventi, fino alla presentazione della documentazione tecnico-economica necessaria.

Ti interessa questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere informato su energie rinnovabili, edilizia sostenibile e ambiente.

Iscrivendoti alla newsletter dichiari di accettare la normativa sulla privacy

Condividi
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Linkedin

Lascia un commento

Seguici sui social!

Se ti piace il nostro sito seguici sui social network per rimanere in contatto.

Sei interessato ai nostri articoli? Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscrivendoti alla newsletter dichiari di accettare la normativa sulla privacy

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Linkedin